La fine dell’anno è un momento di bilancio, in cui si riflette sulle scelte passate ma si fanno anche piani per il futuro. Sono tanti i propositi “da gennaio…”, ma noi di NeoConnessi vogliamo consigliarne uno in particolare, da mettere in cima alla lista: essere più cyber-sicuri!

La questione della sicurezza informatica non è più trascurabile ed è un tema di cui parlare in famiglia, per rendere l’esperienza in Rete di grandi e piccini un arricchimento e non un rischio.
La sicurezza riguarda quelli che in gergo tecnico vengono definiti information asset, ossia l’insieme di tutti i dati che per noi hanno valore economico, affettivo o personale: foto, app per l’home banking, password dei siti per acquisto l’online e ogni altro servizio a cui affidiamo una parte delle informazioni che ci riguardano.

Ma cosa si intende per CyberSecurity?
CIA è un acronimo inglese proposto dal National Institute of Standard and Technology che indica le tre condizioni fondamentali per cui un insieme di dati o un servizio vengono considerati sicuri:

  • confidentially (Confidenzialità): un servizio o un’informazione deve essere disponibile solo alla persona corretta e a nessun’altra;
  • integrity (Integrità): una serie di dati e/o servizi devono essere modificati solo da persone autorizzate;
  • availability (Disponibilità): le informazioni o servizi devono essere sempre disponibili all’accesso quando lo si desidera.

Quando uno di questi tre principi viene a mancare, allora i dati o il servizio possono essere considerati vulnerabili.  

Dunque, come possiamo proteggere i nostri dati?
Dopo aver preso consapevolezza dei rischi, il primo passo per navigare in sicurezza è conoscere le opportunità che si hanno a disposizione per limitarli. Noi di NeoConnessi ti proponiamo un piccolo glossario e tanti consigli per iniziare il 2022 più cyber-sicuri.
Tre sono gli strumenti fondamentali e veramente semplici da utilizzare anche dai più piccoli:

 

LA PASSWORD

Che cos’è una password ormai tutti lo sanno. Dall’inglese “parola d’ordine”, è il codice alfanumerico che permette all’utente di proteggere i propri dispositivi e servizi informatici: dal computer alle app, la password consente di accedere al servizio solo a chi la conosce. Nonostante l’evoluzione tecnologica abbia già realizzato metodi di accesso alternativo, come il Touch ID (riconoscimento tramite impronta digitale) e il Face ID (riconoscimento facciale), la password è ancora quello più utilizzato. Quindi è fondamentale realizzare una password a prova di hacker!

Ormai, sono tantissimi i siti che al momento dell’iscrizione ti richiedono di inserire una password sicura, identificando 4 regole fondamentali:

  • password di almeno 8 lettere
  • almeno una lettera maiuscola
  • almeno un numero 
  • almeno un carattere speciale (.,?!*)

Nonostante le regole per creare una password sicura siano già ampiamente conosciute, tante persone commettono ancora l’errore di crearne di troppo semplici. NordPass ha condotto una ricerca sulle password più utilizzate nel mondo nel 2021. Quelle italiane, ad esempio, sono state: “123456”, “123456789”, ma anche “qwerty”, “juventus”, “000000” e “password”. Non proprio a prova di hacker, non credi?
Questo accade perché sono tantissime le password che ognuno di noi deve ricordare ogni giorno, ma alcune tattiche molto divertenti possono aiutare te e i tuoi figli:

  • creare acronimi di frasi rappresentative: i più piccoli, ad esempio, possono scegliere una frase ricorrente nella loro vita, di cui non si dimenticheranno facilmente, inserendo le lettere iniziali di ciascuna parola alternate in maiuscole e minuscole. Ad esempio, la password per accedere a documenti scolastici importanti può essere “OdPfIc!”, ossia “Oggi devo proprio fare i compiti!”
  • costruire una stringa: aggiungere a una frase semplice dei numeri e dei caratteri speciali per renderla più complessa. “Ho la verifica” può diventare “H0.l4.v3r1f1c4”

 

IL GESTORE DELLE PASSWORD

Il gestore delle password è una sorta di cassaforte virtuale che archivia in modo sicuro le tue credenziali (username e password), rendendole disponibili al momento del bisogno. Infatti, il gestore le inserirà in maniera automatica al posto tuo!
Perché è così utile da utilizzare? Due sono i motivi principali: crea password molto complesse e univoche per ogni tuo account e, soprattutto, ti richiede di memorizzare una sola password, appunto proprio quella del gestore!

 

L’IDENTIFICAZIONE A DUE FATTORI

L’autenticazione a due fattori (di cui magari avrai letto l’acronimo, 2FA) è un metodo di autenticazione sicura che consiste nell’utilizzo di due metodi di verifica anziché uno: ad esempio, la password e l’impronta digitale, la password e la conferma tramite codice via SMS, … Quando possibile, è importante selezionare il 2FA per rendere molto più difficile il lavoro degli hacker!