GRUPPO FACEBOOK

Iscriviti al gruppo Facebook NeoConnessi – Genitori, Figli e Internet e interagisci con altri genitori e con i nostri esperti.

Bambini e pubblicità online

da | Dic 9, 2020 | Genitori Tech | 0 commenti

di Roberta Franceschetti

Ricordo ancora Carosello. Personaggi come la Linea di Ernesto Cavandoli, Calimero, Carmencita e Caballero mi facevano compagnia da bambina prima dell’ora della nanna. Al tempo non lo sapevo, ma ogni sketch o breve cartone animato aveva regole ferree che stabilivano per esempio il numero di citazioni del prodotto e quello di secondi da dedicare allo “spettacolo”. A partire dalla fine degli anni Settanta, con il tramonto di Carosello e l’arrivo della tv commerciale, rimane la separazione tra contenuti editoriali e pubblicità: nella tv tradizionale per un bambino, allora come oggi, era più facile distinguere il programma dallo spot.

L’arrivo di Internet ha rimescolato le carte. L’ho sperimentato in prima persona con mio figlio, che mi chiedeva in regalo prodotti visti online. In Rete, la linea di demarcazione tra messaggi promozionali e contenuti diventa però più sfumata. Oltre ai banner e alla pubblicità profilata, cioè personalizzata in base alle preferenze e alle caratteristiche dell’utente, online i minori rischiano di essere costantemente esposti a operazioni di marketing che si travestono da contenuti. Quando, per esempio, lo youtuber preferito da vostro figlio mostra in video il suo nuovo paio di sneakers esaltandone le caratteristiche, può darsi che lo faccia perché ha un accordo commerciale con l’azienda che le produce. Benché i creators siano tenuti a segnalare i contenuti pubblicitari con l’hashtag #adv, nella maggior parte dei casi questo non viene notato dai bambini. Lo stesso accade con i contenuti testuali nei blog o nei post d’immagine su Instagram: solo un pubblico attento e smaliziato nota l’hashtag o la frase finale che rivela la collaborazione con il brand.

Che ci piaccia o no, in una società dei consumi i minori sono costantemente esposti a sollecitazioni commerciali. Anzi, sempre più spesso sono loro il target privilegiato su cui fanno leva le aziende per influenzare gli acquisti familiari. Per questo, come genitori dobbiamo educarli a diventare consumatori consapevoli, responsabili e quindi meno influenzabili.
Come proteggere allora i bambini, che sono particolarmente vulnerabili, dall’invadenza del marketing? Ecco qualche consiglio per crescere futuri cittadini capaci di orientarsi tra i contenuti in Rete.

CONOSCENZA: è bene che conoscano le logiche commerciali su cui si basano i social, le piattaforme di condivisione di contenuti e la Rete in generale. Non bisogna soffocare il loro entusiasmo verso Internet, che rappresenta comunque un’invenzione meravigliosa, capace di ampliare le nostre possibilità di comunicazione e di accesso al sapere. È bene però che ne conoscano anche le dinamiche economiche, per adottare una navigazione più consapevole. Devono comprendere il significato della massima “se il prodotto è gratis allora il prodotto sei tu”. Si tratta di una frase cinica, che li porterà però a riconoscere le insidie del Paese dei Balocchi.

SPIRITO CRITICO: devono comprendere come funziona il lavoro degli influencer, come i tiktoker o gli youtuber di cui sono fan. Per farlo, occorre stimolarli a porsi delle domande. Il papà e la mamma fanno l’avvocato, l’operaio, il negoziante e vengono pagati dai loro clienti o dall’azienda per cui lavorano. Dato che i Me contro Te e LaSabri sono youtuber di professione, come guadagnano? Chi li paga? Cosa c’è oltre i banner pubblicitari? Mi starà parlando di questo zainetto perché gli piace veramente o perché l’azienda che lo produce gli/le ha chiesto di fare pubblicità? Lo sviluppo di una maggiore consapevolezza rispetto ai contenuti che consumano deve partire dalla capacità di porsi delle domande.

REGOLE: devono conoscere le regole che governano la Rete. Anche quelle che gli inserzionisti sono tenuti a rispettare, a tutela del consumatore. È importante per esempio che conoscano gli elementi grafici o testuali che contraddistinguono la pubblicità, per identificarla più facilmente.

DIALOGO: guardare i video online o navigare insieme ai vostri figli, confrontandosi su ciò che si sta vedendo, aiuta i bambini a riflettere sui contenuti che consumano. Chiedetegli cosa ha attirato la loro attenzione, svelategli qualche trucco pubblicitario, come il fatto che i piatti fotografati o ripresi in video non sono commestibili, parlate dei loro beniamini e chiedetegli se sono mai stati testimonial di qualche prodotto.

Insieme ai vostri figli farete un percorso alla scoperta di una dimensione del digitale spesso sottovalutata dalle famiglie e li aiuterete a crescere come cittadini capaci di identificare i messaggi ingannevoli e di adottare un atteggiamento critico nei confronti della pubblicità.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.