di Paolo Paglianti

Se avete pargoli in casa, probabilmente vi chiederanno costantemente di comprare loro una nuova console, o magari la loro prima console. Ecco una breve guida in cui parleremo dei modelli attualmente in commercio (scriviamo nell’Aprile 2021), i loro punti di forza e i costi. 

Alcune considerazioni prima di decidere
Un primo consiglio: comprate la console che usano gli amici dei vostri figli. Sebbene diversi giochi – come Fortnite – permettano di giocare cross-platform, ovvero tra Xbox e PlayStation o Switch – la maggior parte dei titoli consente di giocare online tra amici che hanno la medesima console.

Secondo consiglio: a Natale 2020 sono uscite le nuove PS5 e Xbox Series X|S, e quindi suggeriamo di prendere queste versioni più recenti, che avranno una “vita” di almeno cinque-sei anni. Le precedenti Xbox One e PlayStation 4 funzionano ancora alla grande e escono ancora giochi compatibili, ma nel giro di un paio di anni saranno obsolete e dovrete cambiarle. 

Infine, una precisazione sul gioco online, in multiplayer, in cui i vostri figli giocano con gli amici, ognuno sul proprio dispositivo: tutte le console richiedono un abbonamento per giocare via Internet, ma questo non vale per i videogiochi gratuiti come Fortnite, che possono essere giocati anche senza abbonamento online. 

E ora passiamo ai singoli modelli di console.

Nintendo Switch
La console di Nintendo è geniale: si collega alla TV di casa, ma volendo può essere “staccata” e utilizzata come console portatile. Costa circa 320 euro, e include due Joycon, i joypad di Nintendo. Su Switch troverete i grandi classici della casa nipponica, come l’intramontabile Super Mario e tutta la sua banda (che ovviamente esistono solo su console Nintendo), oppure il gioco di ruolo Zelda, e tantissimi videogiochi pensati per il gioco in famiglia o con gli amici. I giochi possono essere comprati digitalmente via Internet, oppure nei negozi su delle piccole schedine simili alle MicroSD dei cellulari. Per giocare online, è necessario sottoscrivere un abbonamento di circa 3 euro al mese a Switch Online che però permette agli abbonati di scaricare i “vecchi” classici di Nintendo gratuitamente. Esiste anche una versione “solo portatile” della console, che costa circa 230 euro. 

PlayStation 5
È la più diffusa in Italia: per molti, “PlayStation” è sinonimo di console. PlayStation 5 è uscita a Natale ed è ancora molto difficile da trovare. Ne esistono due versioni. La “Full” che costa 500 euro, e la “All digital” che non ha il lettore di dischi ottici, e costa 400 euro. In quest’ultimo caso, i videogame vanno comprati solo via Internet sullo shop di Sony. PlayStation 5 permette di giocare anche la maggior parte dei titoli di PlayStation 4, la console Sony della precedente “generazione” – ovviamente, se comprate la PS5 Digital potrete giocare solo ai titoli digitali presi su PS4, e non quelli su disco, visto che non ha il lettore ottico.

Il punto di forza di PlayStation 5 sono le esclusive Sony. PlayStation si è fatta un nome con i giochi che girano solo sulle proprie console. Molti sono pensati per un pubblico più grandicello 16+ o 18+, ma ad ogni modo molti giocatori scelgono la PlayStation per titoli come Horizon Zero Dawn, God of War, Marvel’s Spider-man. 

Su PlayStation, per giocare online (ai titoli non gratuiti, potete sempre giocare a Fortnite senza problemi) è necessario sottoscrivere PlayStation Plus (circa 9 euro al mese), che permette di accedere alla modalità multiplayer. Inoltre, “regala” due giochi ogni mese. L’altro abbonamento di PlayStation è PlayStation Now (9,99 euro al mese) che è un abbonamento “flat” per giocare a una serie di titoli proposti da Sony senza doverli comprare singolarmente (qua trovate la lista aggiornata). Al contrario di Game Pass di Microsoft, non include le esclusive di Sony all’uscita, ma solo dopo parecchi mesi. 

Xbox Series X|S
La console di Microsoft è presente in due format diversi. La prima è la Xbox Series S, ed è la console di “nuova generazione” più economica. È di dimensioni contenute e tutta bianca; costa 300 euro (meno un centesimo!) e permette di giocare tutti i videogame Xbox, sia quelli usciti per la precedente Xbox One che quelli nuovi specifici per Xbox Series X|S. Il compromesso rispetto alla sorellona più costosa è che Series S non ha un lettore di DVD /Blu-Ray (dovrete quindi comprare i giochi solo digital, dallo shop di Microsoft, e i vostri figli non potranno scambiarsi i dischi con gli amici). Inoltre, è meno potente e quindi i videogame più complessi e con la grafica più fotorealistica “girano” solo in Full HD e non in risoluzione UltraHD 4k. 

La sorella maggiore è l’Xbox Series X: più massiccia e tutta nera, scatena la sua potenza con i giochi più esigenti, ed è la console più potente sul mercato. Costa 500 euro e come Xbox Series S permette di giocare i videogame “vecchi” di Xbox One e quelli nuovi in Ultra HD e 4K, e ha anche un lettore ottico per leggere qualsiasi supporto dai CD musicali ai DVD, fino ai film in Blu-Ray 4K. 

L’asso nella manica di Xbox è il Game Pass, un servizio in abbonamento che costa circa 10 euro al mese (12 se volete aggiungere il PC di casa con titoli per Windows) e che contiene un centinaio di giochi (qua trovate la lista). Sottoscrivendo l’abbonamento, il giocatore più scaricare qualsiasi titolo e giocarlo senza spendere un centesimo in più. Ogni mese viene aggiunto qualche gioco nuovo (e tolto qualcuno di quelli “vecchii”), in più tutti i videogiochi di Microsoft, come Halo, Gears of War o Forza Motorsport, sono sempre presenti, non appena vengono pubblicati. Al momento in cui scriviamo, il Game Pass contiene più di 100 giochi che, se comprati singolarmente, varrebbero più di 5.000 euro. Un ottimo modo per far giocare i vostri figli senza dover spendere 70 euro per i titoli nuovi, a patto che non vogliano uno specifico gioco che non è incluso nel Game Pass e non vogliano aspettare che arrivi nel servizio in abbonamento. 

Per giocare online su Xbox è necessario sottoscrivere l’abbonamento Gold (7 euro al mese circa). Tuttavia, l’abbonamento Game Pass Ultimate (12 euro) include sia il Game Pass su console che su PC, e anche il gioco online.